I nostri sponsor



Il meteo a Torre
Sereno
Domani
Sereno
Sereno
sabato
Sereno
Parzialmente nuvoloso
domenica
Parzialmente nuvoloso

Statuto Pro Loco 2004

Registrazione statuto 2004

Registrazione statuto 2004

Firma dal notaio Quaini 2004

Firma dal notaio Quaini 2004

 

 

STATUTO

ART. 1

DENOMINAZIONE - SEDE

L’associazione denominata “PRO LOCO DI TORRE DE’ PICENARDI” ha sede in Torre de’ Picenardi, provincia di Cremona.

ART. 2

2.1 La Pro Loco riunisce in associazione tutte le persone fisiche (Soci) che hanno interesse allo sviluppo turistico, culturale, ambientale, sociale, storico, artistico del territorio del Comune e delle frazioni di Torre de Picenardi, e svolge la sua attività per tale scopo, anche tramite l’edizione di pubblicazioni e periodici.

2.2 La Pro Loco è apartitica, non ha finalità di lucro e svolge attività di promozione ed utilità sociale. La Pro Loco di Torre de’ Picenardi opera nel riguardo della sfera d’azione delle Pro Loco confinanti.

ART. 3

FINALITA

3.1 Le finalità che la Pro Loco si propone sono:

a) svolgere fattiva opera per organizzare turisticamente la località, proponendo alle Amministrazioni competenti il miglioramento estetico della zona e tutte quelle iniziative atte a tutelare e valorizzare le bellezze naturali nonchè il patrimonio storico-monumentale ed ambientale;

b) promuovere e organizzare, anche in collaborazione con gli Enti Pubblici e/o privati, iniziative (convegni, escursioni, spettacoli pubblici, festeggiamenti, manifestazioni sportive ed enogastronomiche, nonchè iniziative di solidarietà sociale, recupero ambientale, restauro e gestione di monumenti, ecc.) che servano ad attirare e rendere più gradito il soggiorno dei turisti;

c) sviluppare l’ospitalità e l’educazione turistica d’ambiente;

d) stimolare il miglioramento delle infrastrutture e della ricettività alberghiera ed extra alberghiera;

e) preoccuparsi del regolare svolgimento dei servizi locali (interessanti il turismo) svolgendo tutte quelle azioni atte a garantirne la più larga funzionalità;

f) collaborare con gli Organi competenti nella vigilanza sulla conduzione dei servizi pubblici e privati di interesse turistico, verificando soprattutto il rispetto delle tariffe e proponendo, se del caso, le opportune modificazioni;

g) curare l’informazione e l’accoglienza dei turisti, anche con l’apertura di appositi uffici;

h) promuovere e sviluppare attività nel settore sociale e del volontariato a favore della popolazione della località (proposte turistiche specifiche per la terza età, progettazione e realizzazione di spazi sociali destinati all’educazione, alla formazione e allo svago dei minori, iniziative di coinvolgimento delle varie componenti della comunità locale finalizzate anche all’eliminazione di eventuali sacche di emarginazione, organizzazione di itinerari turistico-didattici per gruppi scolastici).

ART. 4

SOCI

4.1 I Soci della Pro Loco si distinguono in:

a) Soci Ordinari;

b)Soci Sostenitori;

c) Soci Benemeriti;

d) Soci Onorari.

4.2 Sono Soci Ordinari coloro che versano la quota di iscrizione annualmente stabilita dall’Assemblea. Possono essere iscritti come soci tutti i residenti nel Comune ed altresì coloro che per motivazioni varie (villeggianti, ex residenti, ecc.) sono interessati all’attività dell’ Associazione.

4.3 Sono Soci Sostenitori coloro che, oltre alla quota ordinaria, erogano contribuzioni volontarie straordinarie.

4.4 Sono Soci Benemeriti le persone che vengono denominate tali dal Consiglio Direttivo per meriti particolari acquisiti a favore dell’Associazione.

4.5 Sono Soci Onorari gli associati che vengono denominati tali dall’Assemblea per particolari meriti acquisiti nella vita della Pro loco.

4.6 Non è ammessa la categoria dei Soci temporanei.

ART. 5

DIRITTI E DOVERI DEI SOCI

5.1 I Soci Ordinari e Sostenitori devono versare la quota associativa annuale; i Soci Benemeriti e Onorari sono esentati dal pagamento della quota annuale.

5.2 Tutti i Soci, purché maggiorenni al momento dell’assemblea, hanno diritto:

a) di voto per eleggere gli organi direttivi della Pro Loco;

b) di essere eletti alle cariche direttive della Pro Loco;

c) di voto per l’approvazione e le modificazioni dello statuto e dei regolamenti della Pro Loco;

d) a ricevere tessera della Pro Loco;

e) a ricevere le pubblicazioni dell’ Associazione;

f) a frequentare ì locali dell’Associazione;

g) ad ottenere eventuali facilitazioni in occasione di manifestazioni promosse o/ed organizzate dall’Associazione.

5.3 I Soci hanno il dovere di:

a) rispettare lo statuto ed i regolamenti della Pro Loco;

b) versare nei termini la quota sociale;

c) non operare in concorrenza con l’attività della Pro Loco.

ART. 6

AMMISSIONE E PERDITA DELLA QUALIFICA DI SOCIO

6.1 L’ammissione di un nuovo Socio viene decisa dal Consiglio Direttivo della Pro Loco a seguito del versamento della quota associativa annuale.

La quota associativa è intrasmissibile e non rivalutabile.

6.2 La qualifica di Socio si perde per dimissioni, per morosità o per indegnità.

6.3 Il Consiglio Direttivo, qualora intervengano gravi motivi, potrà inoltre radiare il Socio.

ART. 7

ORGANI

Sono organi dell’ Associazione:

a) l’Assemblea dei Soci;

b) il Consiglio Direttivo;

c) il Presidente;

d) il Segretario avente anche funzione di Tesoriere;

e) il Collegio dei Revisori dei Conti.

ART. 8

L’ASSEMBLEA DEI SOCI

8.1 L’Assemblea rappresenta l’universalità dei Soci e le sue decisioni, prese in conformità alla legge ed al presente statuto, obbligano i Soci. Ogni Socio esprime un voto indipendentemente dall’ammontare della quota associativa versata.

8.2 L’Assemblea ha il compito di dare le direttive per la realizzazione delle finalità sociali.

8.3 All’Assemblea prendono parte tutti i Soci (quelli ordinari debbono essere in regola con lo quota sociale dell’anno in cui si svolge l’Assemblea). Sono consentite due deleghe, da rilasciarsi in forma scritta ad altro socio.

8.4 L’Assemblea è ordinaria e straordinaria. Le Assemblee, sia ordinarie che straordinarie, sono presiedute dal Presidente della Pro Loco (o in sua assenza dal Vice Presidente), assistito dal Segretario. In caso di assenza di entrambi, l’Assemblea elegge tra i Soci presenti il Presidente dell’Assemblea; allo stesso modo l’Assemblea eleggerà un Segretario, in caso di assenza del Segretario della Pro loco.

8.5 L’Assemblea ordinaria è convocata almeno una volta all’anno per le decisioni di sua competenza; delibera sul conto consuntivo dell’anno precedente, sulla formazione del bilancio preventivo, sul programma di attività e sulle proposte del Consiglio Direttivo o dei Soci. L’Assemblea per l’approvazione dei bilanci deve essere convocata entro il mese di giugno. L’Assemblea viene indetta dal Presidente dell’Associazione, previa deliberazione del Consiglio che ne stabilisce lo data e l’ordine del giorno, con avviso portato a conoscenza dei Soci (in regola con il versamento della quota avvenuto almeno 30 giorni prima del giorno fissato per lo celebrazione dell’Assemblea) almeno quindici giorni prima della data fissata mediante consegna dell’avviso a mano o a mezzo posta o con affissione dello stesso nella sede della Pro Loco. L’Assemblea ordinaria è valida, in prima convocazione, con la partecipazione di almeno la metà dei Soci più uno e delibera con voto favorevole della metà più uno dei voti espressi; trascorsa mezz’ora è valida qualunque sia il numero degli intervenuti e delibera con voto favorevole della metà più uno dei voti espressi.

8.6 L’Assemblea straordinaria è convocata:

a) dal Presidente quando ne ravvisi lo necessità;

b) dietro richiesta scritta della maggioranza dei componenti del Consiglio;

c) a seguito di richiesta sottoscritta da almeno un terzo dei Soci;

d) per le modifiche del presente Statuto;

e) per lo scioglimento dell’Associazione.

Il Presidente, d’intesa con il Consiglio, ne stabilisce lo data l’ora e l’ordine del giorno, con avviso portato a conoscenza dei Soci (in regola con il versamento della quota avvenuto almeno 30 giorni prima del giorno fissato per lo celebrazione dell’Assemblea) almeno quindici giorni prima della data fissata mediante consegna dell’avviso a mano o a mezzo posta o con affissione dello stesso nella sede della Pro Loco. L’Assemblea straordinaria è valida, in prima convocazione, con la partecipazione di almeno la metà dei Soci e delibera con voto favorevole della metà più uno dei voti espressi; trascorsa mezz’ora, l’Assemblea è valida qualunque sia il numero dei partecipanti e delibera con la metà più uno dei voti espressi.

8.7 La spedizione degli avvisi di convocazione delle Assemblee (sia ordinarie che straordinarie) può essere sostituita dall’affissione con modalità idonee a portarli a conoscenza degli Associati.

8.8 Le modifiche statutarie sono adottate dall’Assemblea straordinaria con la maggioranza dei due terzi dei voti validi.

8.9 Delle riunioni assembleari e relative deliberazioni dovrà essere redatto apposito verbale firmato dal Presidente e dal Segretario, consultabile da tutti i Soci presso la sede sociale.

ART. 9

IL CONSIGLIO DIRETTIVO

9.1 Il Consiglio Direttivo è composto da cinque membri oltre l’Assessore alla Cultura Sport e Spettacolo del Comune di Torre de’ Picenardi in carica al momento delle elezioni (membro di diritto garante della comunicazione tra la Pro loco e l’Amministrazione Comunale).

Possono far parte del Consiglio Direttivo un rappresentante di ogni organizzazione ed associazione locale che svolga attività o realizzi iniziative che interessano lo sviluppo turistico del Comune di Torre de’ Picenardi e delle relative frazioni.

9.2 L’Assemblea elegge tra i Soci i componenti del Consiglio Direttivo.

9.3 I rappresentanti delle organizzazioni ed associazioni locali che svolgono attività o realizzano iniziative che interessano lo sviluppo turistico della zona sono anch’essi nominati dalle Associazioni interessate tramite delega scritta sottoscritta dal presidente o dal responsabile della relativa associazione.

9.4 I componenti del Consiglio Direttivo restano in carica tre anni e sono rieleggibili.

9.5 Il Consiglio Direttivo si riunisce almeno quattro volte all’anno ed ogni qual volta lo ritenga opportuno il Presidente ed a seguito di richiesta scritta di almeno due terzi dei Componenti.

9.6 I Consiglieri che risultano assenti per tre sedute consecutive senza giustificazione motivata, possono essere dichiarati decaduti con deliberazione del Consiglio Direttivo il quale provvede alla cooptazione dei medesimi come previsto nel successivo comma.

9.7 In caso di vacanza per qualsiasi motivo si procederà come segue:

a) se la vacanza riguarda i Soci della Pro Loco eletti in Assemblea, i Consiglieri mancanti saranno sostituiti con i Soci che, secondo i risultati delle elezioni, seguono immediatamente i membri eletti. Se non vi sono più Soci da utilizzare per la cooptazione potrà essere indetta una nuova Assemblea elettiva per l’integrazione del Consiglio Direttivo, qualora ne sia compromessa la sua funzionalità. Solamente nel caso che la vacanza dei Soci nel Consiglio Direttivo sia contemporanea e riguardi la metà più uno dei Soci, l’intero Consiglio Direttivo sarà considerato decaduto ed il Presidente dovrà, entro un mese dal verificarsi della vacanza, indire l’Assemblea elettiva per l’elezione di un nuovo Consiglio Direttivo;

b) se la vacanza riguarda i rappresentanti con voto consultivo delle organizzazioni ed associazioni locali che svolgono attività o realizzano iniziative che interessano lo sviluppo turistico del Comune o frazione del Comune, i Consiglieri sostituiti dovranno essere nominati dalle Associazioni interessate in un’apposita riunione indetta dalla Pro Loco e svoltasi in presenza di almeno un suo rappresentante;

c) se la vacanza riguarda il rappresentante con voto consultivo del Comune, l’Amministrazione Comunale provvederà alla sua sostituzione su richiesta della Pro Loco.

9.8 Il Consiglio Direttivo è validamente costituito e rimane in carica ed opera anche senza la nomina e/o la presenza del rappresentante del Comune e dei rappresentanti delle organizzazioni ed associazioni locali che svolgono attività o realizzano iniziative che interessano lo sviluppo turistico della zona.

9.9 Per la validità delle deliberazioni occorre la presenza effettiva di 1/3 (un terzo) dei membri del Consiglio Direttivo ed il voto favorevole della maggioranza dei presenti; in caso di parità è determinante il voto del Presidente.

9.10 Il Consiglio Direttivo è investito dei poteri per la gestione ordinaria e straordinaria dell’Associazione ed in particolare gli sono riconosciute tutte le facoltà per il raggiungimento delle finalità sociali che non siano dalla legge o dal presente statuto riservate, in modo tassativo, all’Assemblea. Spetta inoltre al Consiglio Direttivo la gestione del patrimonio sociale, la formazione del bilancio di previsione col relativo programma d’attuazione, la stesura del conto consuntivo e della relazione sull’attività svolta.

9.11 Delle riunioni consiliari dovrà essere redatto apposito verbale firmato dal Presidente e dal Segretario ed approvato di volta in volta dal Consiglio stesso.

ART. 10

IL PRESIDENTE

10.1 Il Presidente della Pro Loco è eletto dal Consiglio Direttivo nella sua prima riunione con votazione a scrutinio segreto.

10.2 Il Vice Presidente ed il Segretario sono pure nominati dal Consiglio Direttivo al suo interno.

10.3 Il Presidente dura in carica per lo stesso periodo di vigenza del Consiglio Direttivo. Può essere riconfermato.

La carica di Presidente come quelle di consigliere, di revisore dei conti ed in genere tutte quelle inerenti all’associazione sono tutte gratuite.

10.4 In caso di assenza o di impedimento temporaneo sarà sostituito dal Vice Presidente o dal Segretario.

10.5 In caso di impedimento definitivo verrà dichiarato decaduto dal Consiglio Direttivo che provvederà all’elezione di un nuovo Presidente.

10.6 Il Presidente ha la responsabilità dell’Amministrazione dell’Associazione, la rappresenta di fronte ai terzi ed in giudizio, convoca e presiede il Consiglio Direttivo e l’Assemblea dei Soci.

10.7 E’ assistito dal Segretario.

ART. 11

IL SEGRETARIO ED IL TESORIERE

11.1 Il Segretario assiste il Consiglio Direttivo, redige i verbali delle relative riunioni, cura la conservazione della documentazione riguardante la vita della Pro Loco, assicura l’esecuzione delle deliberazioni e provvede al normale funzionamento degli uffici.

11.2 Il Segretario è responsabile, insieme al Presidente, della tenuta di idonea documentazione dalla quale risulta la gestione economica e finanziaria della Pro Loco nonchè della regolare tenuta dei libri sociali.

11.3 Il Tesoriere segue i movimenti contabili della Pro Loco e le relative registrazioni.

11.4 E’ possibile affidare i due incarichi ad un solo Consigliere.

ART. 12

IL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

12.1 Il Collegio dei Revisori dei Conti è composto di tre membri eletti, tra i soci, a votazione segreta, di norma ogni anno, dall’Assemblea dei Soci.

12.2 Il Collegio dei Revisori dei conti ha il compito di esaminare periodicamente ed occasionalmente in qualsiasi momento la contabilità sociale.

12.3 IRevisori dei Conti sono obbligatoriamente invitati alle riunioni del Consiglio Direttivo ed in tal caso possono esprimere la loro opinione sugli argomenti all’ordine del giorno, senza diritto di voto.

12.4 I Revisori dei conti sono rieleggibili alla scadenza del mandato.

ART. 13

ENTRATE E SPESE

13.1 Le entrate economiche con le quali la Pro Loco provvede alla propria attività sono:

a) quote sociali;

b) contributi di Enti Pubblici o Privati;

c) proventi di gestione di attività e/o di iniziative permanenti od occasionali

d) donazioni e lasciti.

13.2 Tutte le entrate sono utilizzate e spese per il raggiungimento delle finalità della Pro Loco ed eventuali utili o avanzi digestione nonchè fondi, riserve o capitale durante la vita della Pro Loco non possono essere distribuiti (neppure in modo indiretto) ai Soci.

13.3 Tutte le cariche della Pro Loco sono gratuite. Il Consiglio Direttivo può prevedere dei rimborsi delle spese sostenute e documentate.

ART. 14

RENDICONTO

14.1 L’Assemblea dei Soci approva annualmente un rendiconto economico e finanziario predisposto e redatto dal Presidente e dal Consiglio Direttivo della Pro Loco.

14.2 Tale rendiconto deve essere redatto seguendo i criteri di cassa e di competenza come previsto dalla Legislazione vigente in materia.

14.3 Il rendiconto approvato dall’Assemblea sarà disponibile per la visione presso la sede della Pro Loco.

ART. 15

SCIOGLIMENTO

15.1 L’eventuale scioglimento dell’Associazione sarà deciso dall’Assemblea Straordinaria appositamente convocata. Sia in prima che in seconda convocazione dovranno essere presenti almeno i 4/5 dei Soci e la decisione di scioglimento dovrà essere assunta con i 4/5 dei voti presenti.

15.2 In caso di scioglimento dopo che si sarà provveduto al saldo di tutte le pendenze passive, le somme eventualmente restanti saranno devolute in favore di Enti pubblici od Associazioni per essere destinate ad opere di valorizzazione turistica del Comune e/o della località come previsto dall’art. 2.1 del presente Statuto.

15.3 I beni acquisiti con il concorso finanziario specifico e prevalente di Enti pubblici saranno devoluti al Comune nel cui territorio la Pro Loco ha sede.

15.4 La devoluzione di tali beni o somme avverrà dopo aver sentito il competente organismo previsto dalla legge.

ART. 16

NORME FINALI

16.1 Per tutto ciò che non è espressamente contemplato dal presente Statuto valgono le norme del Codice Civile.

Letto, approvato e sottoscritto.

Cremona, lì 15 maggio 2004.

F.to Lucaccini Marco

F.to Giancarlo Quaini Notaio LTN

——————————————————————————————————————————————————————————————————————–

N. 79906 di Repertorio N. 11396 della Raccolta

VERBALE DI ASSEMBLEA STRAORDINARIA

REPUBBLICA ITALIANA

Cremona, questo giorno di sabato quindici maggio duemilaquattro.

Alle ore 10,30 dieci e trenta minuti.

Nel mio studio in corso Vittorio Emanuele civ. 44

Avanti a me Dottor GIANCARLO QUAINI, Notaio con residenza in Cremona, inscritto nel Ruolo dei Distretti Notarili Riuniti di Cremona-Crema, si è personalmente costituito il Signor:

LUCACCINI MARCO nato a Terranuova Bracciolini (AR) il 22 aprile 1954, domiciliato per la carica in Torre de’ Picenardi Piazza Roma n. 1, operaio, il quale interviene al presente atto nella sua qualità di Presidente del Consiglio di Amministrazione del

“COMITATO PER IL RILANCIO TURISTICO” con sede in Torre de’ Picenardi Piazza Roma n. 1, codice fiscale 01276080197, autorizzato alla firma del presente atto in forza dei poteri a Lui derivanti dallo Statuto Sociale.

Comparente della cui identità personale e qualifica sono io Notaio certo, rinunciante espressamente e col mio consenso a sensi di legge, alla assistenza dei testimoni, il quale mi dichiara che a seguito dell’avviso affisso nel Comune di Torre de’ Picenardi in data 27 aprile 2004, deve aver luogo in questo giorno, ora e luogo l’Assemblea Straordinaria della società predetta per discutere e deliberare sul seguente:

ORDINE DEL GIORNO

1) Approvazione modifiche dello statuto.

Alle ore 10,35 dieci e trentacique minuti il signor Lucaccini Marco quale Presidente del Consiglio di Amministrazione, assume la presidenza dell’Assemblea e chiama me Notaio a fungere da segretario per la redazione del presente verbale.

Quindi il Presidente, constata e fà constatare che:

- che risultano presenti in proprio o per deleghe trattenute in atti dell’Associazione gli associati:

1- Bertolini Angelo in proprio

2 -Beatrice Ponzoni per delega a Bertolini Angelo

3 -Peschera Flavio per delega a Bertolini Angelo

4 -Ziglioli Antonella per delega a Bertolini Angelo

5 -Frusconi Pietro per delega a Bertolini Angelo

6- Mario Bazzani in proprio

7- Carlo Busatti per delega a Mario Bazzani

8- Petecchi Angela per delega a Mario Bazzani

9- Garatti Roberto per delega a Mario Bazzani

10- Bottazzi Rosella per delega a Mario Bazzani

11- Luisa Benna in proprio

12- Guerreschi Fabio per delega a Luisa Benna

13- Scaratti Antonella per delega a Luisa Benna

14- Azzi Omar Devis per delega a Luisa Benna

15 -Marca Achille per delega a Luisa Benna

16- Tabaglio Silvia in proprio

17- Grazioli Pietro per delega a Tabaglio Silvia

18- Marchi Francesco per delega a Tabaglio Silvia

19- Musoni Roberto per delega a Tabaglio Silvia

20- Urbani Ivan per delega a Tabaglio Silvia

21- Gelmini Pierina in proprio

22- Gelmini Giuseppina per delega a Gelmini Pierina

23- Perini Raffaella per delega a Gelmini Pierina

24- Perini Giovanni per delega a Gelmini Pierina

25- Perini Nicola per delega a Gelmini Pierina

26- Oneta Leopoldo in proprio

28- Fornasari Franca per delega a Oneta Leopoldo

29- Bosio Venanzio per delega a Oneta Leopoldo

30- Zecchini Nadir per delega a Oneta Leopoldo

31- Galetti Valter per delega a Oneta Leopoldo

32- Petecchi Gabriele in proprio

33- Casnici Leonardo per delega a Petecchi Gabriele

34- Casnici Rossella per delega a Petecchi Gabriele

35- Ceruti Angiolino per delega a Petecchi Gabriele

36- Ziletti Carlo per delega a Petecchi Gabriele

37- Vacchelli Elena in proprio

38- Oneta Paolo per delega a Vacchelli Elena

39- Righi Laura per delega a Vacchelli Elena

40- Scaratti Rossana per delega a Vacchelli Elena

41- Paroli Mauro per delega a Vacchelli Elena

42- Vacchelli Dante in proprio

43- Bozzoli Marco per delega a Vacchelli Dante

44- Panzi Patrizia per delega a Vacchelli Dante

45- Galafassi Valter per delega a Vacchelli Dante

46- Pola Sara per delega a Vacchelli Dante

47- Novello Silvana in proprio

48- Signori Romana per delega a Novello Silvana

49- Maffezzoni Mario per delega a Novello Silvana

50- Franguelli Eugenio per delega a Novello Silvana

51- Maffezzoni Palmirina per delega a Novello Silvana

52- Ramponi Monica in proprio

53- Peschera William per delega a Ramponi Monica

54- Conzadori Adriano per delega a Ramponi Monica

55- Boldori Silvia per delega a Ramponi Monica

56- Boldori Gian Paolo per delega a Ramponi Monica

57- Goffredi Leandro per delega a Ramponi Monica

58- Silvestri Giampaolo in proprio

59- Tassi Angelica per delega a Silvestri Giampaolo

60- Braga Erika per delega a Silvestri Giampaolo

61- Bolchi Franco per delega a Silvestri Giampaolo

62- Bolchi Cristina per delega a Silvestri Giampaolo

63- Pesci Gina per delega a Silvestri Giampaolo

64- Arcari Edgardo in proprio

65- Pedretti Marisa per delega a Arcari Edgardo

66- Pola Cipriano per delega a Arcari Edgardo

67- Sarzi Cesira per delega a Arcari Edgardo

68- Ardoli Raffaella per delega a Arcari Edgardo

69- Rocca Pietrina per delega a Arcari Edgardo

70- Minuti Giuseppe in proprio

71- Decarli Mauro per delega a Minuti Giuseppe

72- Bozzetti Rossana per delega a Minuti Giuseppe

73- Anversa Nicoletta per delega a Minuti Giuseppe

74- Tabaglio Maria Antonella per delega a Minuti Giuseppe

75- Antoniazzi Giovanni per delega a Minuti Giuseppe

76- Nostrini Carla in proprio

77- Balestreri Elisa per delega a Nostrini Carla

78- Ardoli Francesco per delega a Nostrini Carla

79- Zinetti Cesara per delega a Nostrini Carla

80- Pazzini Nicola per delega a Nostrini Carla

81- Ardoli Maria Assunta per delega a Nostrini Carla

82- Lucaccini Nicolò in proprio

83- Tibaldini Natalino per delega a Tabaglio Silvia

84- Silvestri Paola in proprio

85- Paroli Guido

86- Pola Angelo

87- Sambinelli Simone

88- Rotelli Giorgio

89- Carantani Eugenio

90- Tabaglio Giovanna

91- Lambri Maria Enrica

- del Consiglio di Amministrazione oltre ad Esso Presidente sono presenti i signori:

Silvestri Paola, Paroli Guido, Pola Angelo, Sambinelli Simone, Rotelli Giorgio, Carantani Eugenio, e Tabaglio Giovanna;

- che del Collegio dei Revisori sono presenti i signori:

Lambri Maria Enrica e Pola Angelo;

DICHIARA

L’Assemblea stessa regolarmente e validamente costituita per deliberare sull’argomento posto all’ordine del giorno, in quanto lo statuto prevede per l’Assemblea straordinaria la presenza di almeno i due terzi degli associati che è di numero 83.

Il Presidente prendendo la parola, passando all’argomento posto all’ordine del giorno, illustra le ragioni che consigliano l’opportunità da una parte e la necessità dall’altra parte di modifica della totalità degli articoli dello statuto sociale riguardante l’adeguamento dello statuto stesso alle previsioni normative recate dalla legge regionale n. 16 approvata nella seduta del 12.09.2001 e riguardante le clausole necessarie per l’iscrizione delle Pro Loco all’albo regionale.

Quindi l’Assemblea, udito quanto esposto dal Presidente, dopo esauriente discussione, votandosi per alzata di mano, dopo prova e controprova, votandosi articolo per articolo, all’unanimità

A P P R O V A

1) la modifica della denominazione da “COMITATO PER IL RILANCIO TURISTICO” a “PRO LOCO DI TORRE DE’ PICENARDI” e la conseguente modifica dell’art. 1 dello statuto sociale nel seguente nuovo testo:

“ART.1)

Nel Comune di Torre de’ Picenardi è costituita una PRO-LOCO con sede in Torre de’ Picenardi denominata: “PRO LOCO DI TORRE DE’ PICENARDI”.

2) il nuovo testo dello statuto della Pro Loco che, previa lettura da me datane al Comparente e agli intervenuti, composto da n. 16 (sedici) articoli e steso su n. 4 (quattro) fogli, debitamente firmato dal Comparente e da me Notaio, si allega al presente atto sotto la lettera “A”.

L’Assemblea conferisce mandato al Presidente signor Lucaccini Marco ogni potere e facoltà per apportare al presente deliberato e statuto tutte quelle modifiche che si rendessero necessarie.

Spese e tasse del presente atto sono a carico della Pro Loco.

Null’altro essendovi da deliberare e nessuno più chiedendo la parola il Presidente dichiara chiusa l’Assemblea alle ore 11,00 undici.

Richiesto io Notaio ho ricevuto il presente atto scritto in parte a mano ed in parte a macchina con nastro indelebile da persona di mia fiducia su due fogli di cui il primo per intero ed il secondo per pagine quattro di cui le prime tre per intero e la quarta per totali linee dodici da me pubblicato e letto in un all’inserto allegato a chiara e viva voce al Comparente che da me interpellato dichiara di approvarne pienamente il contenuto ed in conferma qui in fine ed a margine del primo foglio con me Notaio si sottoscrive.

F.to Lucaccini Marco

F.to Giancarlo Quaini Notaio LTN